Università del Salento

Collegamenti ai contenuti della pagina:
unisalento-theme-il-contenuto-pagina
Il menu di navigazione
Motore di ricerca
Area Riservata
Accessibilità






unisalento-theme-contenuto-della-pagina [Inizio pagina]

Cussiadi 2009

 CAMPIONATI NAZIONALI UNIVERSITARI

   Un oro, un argento e quattro bronzi per i nostri ragazzi ai C.N.U. di Cagliari. La medaglia di oro è stata vinta nel karate dalla squadra femminile di kata, quella di argento nel taekwondo forme da Manuela Paracelli e quelle di bronzo nel karate kata da Aurora Macchia, nel judo da Emanuela Savina, nel taekwondo combattimento da Federica Longo ed infine nel tiro a volo di specialità fossa olimpica da Donato Manelli.  

   Aurora Macchia, Chiara Maggiore ed Alessandra Pinto (allenate dal maestro Gino Nosi) si sono laureate campionesse italiane universitarie davanti alle "colleghe" di Messina e Torino grazie al terzo, al quinto ed al settimo posto conquistati rispettivamente nella gara individuale.   Vicecampionessa nazionale universitaria Manuela Paracelli (allenata dal maestro Giuseppe Perulli), che ha gareggiato, presentando la 7^ Taegeuk ed ha perso per un niente dalla padrona di casa Francesca Deidda.    Terzo posto per Aurora Macchia (maestro Gino Nosi), tornata a casa con ben due medaglie appese al collo.    Terzo posto anche per Emanuela Savina (maestro Giovanni Orlanduccio) nella categoria 52 kg., sul terzo gradino del podio esattamente come l'anno prima.    Terzo posto anche per Federica Longo (maestro Giuseppe Perulli), nella categoria -57 kg. per cinture verdi/blu.   Terzo posto infine per Donato Manelli, campione italiano universitario a squadre uscente.    Come appare evidente, le medaglie provengono quasi tutte dal settore femminile oltre che (come è accaduto nelle ultime edizioni dei C.N.U.) dalle arti marziali. Per il settore maschile numerosi sono stati i buoni piazzamenti, ma nè i quarti nè i quinti posti vengono purtroppo conteggiati nel medagliere. Così il bottino finale risulta un pò più "leggero" rispetto agli anni passati, pur restando in assoluto di tutto rispetto per un CUS medio-piccolo qual è il nostro. Del resto sei medaglie a fronte di una rappresentativa composta da appena ventitré atleti (dieci dei quali donne) rappresentano senza dubbio un risultato più che soddisfacente.